Eventi, volatilità e paure.

questo articolo è ispirato a queste ultime giornate molto volatili sui mercati finanziari. Siamo sull’ottovolante, o sulle montagne russe se preferisci, la questione è, per certi versi, molto semplice.

I mercati stanno approfittando di un momento in cui i dati danno man forte ad un rintracciamento, una flessione per portare a casa qualche guadagno.

D’altronde l’inflazione negli USA è al 7,5%, ai massimi dal 1982, l’indice di fiducia dei consumatori è a livelli molto bassi, le banche centrali non sanno come sfangare l’inevitabile rialzo dei tassi visto che le economie sono ancora alle prese con la pandemia e poi ci sono i venti di guerra ad Est e tante altre cose (sulle quali sorvolo).

Ecco, in questo scenario sta succedendo che:

– se hai risparmi in liquidità, stai perdendo soldi
– se hai risparmi in obbligazioni, stai perdendo soldi
– se hai risparmi nei mercati azionari, stai perdendo soldi

In pratica, ovunque tu abbia messo i soldi e tranne rare eccezioni, IN QUESTO MOMENTO stai perdendo soldi.

A parole, chiunque abbia un minimo di conoscenza di base in ambito finanziario, concorda che sia meglio:

  • investire per il lungo termine,
  • non dare importanza alla volatilità di breve termine,
  • diversificare adeguatamente,
  • non dare troppo peso alle news,
  • accettare rischio e volatilità per ottenere un rendimento.

Nei fatti, tra investitori (o aspiranti tali) non si parla d’altro che:

  • di notizie di attualità (economiche, geopolitiche o sanitarie),
  • dell’ultima trimestrale delle azioni calde e che tutti conoscono,
  • di quanto si sarebbe diventati ricchi investendo 10 anni fa su Amazon, Netflix o Bitcoin
  • dell’opportunità e moda del momento.

Informarsi ed essere aggiornati è bello.
Ed è anche affascinante costruirsi le proprie idee e, perché no, cercare di approfittare e puntare su alcune di esse.

Possibilmente con qualche soldino, e non con l’intero patrimonio.

È enormemente difficile non fare nulla, e semplicemente “fare qualcosa” (comprare, vendere, cambiare strategia...), indipendentemente dall’esito futuro, ci fa sentire meglio, ci dà sollievo temporaneo.

Mette a tacere, almeno per un po’ e in attesa dei risultati di queste azioni messe in pratica, la vocina interna che ci consiglia di “fare qualcosa”.

Purtroppo (o per fortuna, per chi è in grado di capirlo), nella maggior parte del tempo trascorso sul mercato coi tuoi soldi investiti, non c’è da fare nulla.

Né comprare né vendere, ma attendere disciplinatamente.

Sempre se hai una vera pianificazione finanziaria e dei veri portafogli di investimento, e non un’accozzaglia di titoli e prodotti finanziari comprati senza obiettivi e senza senso.

Questo argomento può essere anche razionalmente comprensibile (anche perché è ampiamente dimostrato da tonnellate di letteratura finanziaria e comportamentale), ma è emotivamente difficilissimo da accettare e applicare perché va contro il nostro istinto primordiale.

Sentiamo dire in giro che c’è un potenziale pericolo, entriamo in situazione di stress e ansia, o scappiamo o reagiamo.

Fight or flight viene chiamato questo processo.

Con questo articolo voglio evitare di alimentare questa giostra emotiva, che non fa altro che indurti in tentazione e in errore.

Da inizio anno vedo solo contenuti scritti, notizie o video sul “crollo dei mercati“.

Crollo dei mercati?

Pensa che l’MSCI World (l’indice azionario mondiale) è a -7% dall’inizio dell’anno… senza neppure considerare i guadagni degli ultimi 12 anni e i massimi storici!

È davvero un “crollo dei mercati“? Seriamente diciamo?

Perché in tal caso il mio augurio è per te e la tua tenuta psicologica in un momento di vero crollo (un po’ come accaduto nel marzo 2020), e non una flessione del -7%!!!

E sai perché? Perché una flessione, statisticamente, capita praticamente ogni anno, e non ha mai impedito enormi guadagni di lungo termine.

Chiaramente, a questo punto, hai soltanto due possibilità.

  1. Accettare il momento. E quindi con metodo, struttura, regole e disciplina, pensare ed agire in maniera tale che il tuo patrimonio abbia un futuro.
  2.  Oppure puoi non accettare il momento. Farti prendere dall’ansia e cercare invano e disperatamente risposte agli eventi che si susseguono, per metterti al riparo dagli acquazzoni finanziari che si presentano. Ecco, in questo caso con le mani… ciao ciao.

 

Tabella dei Contenuti

Notizie più lette

Uncategorized

Home sweet home: diventa un investitore migliore.

Uno dei concetti su cui baso la mia professione e su cui insisto di più è sicuramente l’importanza della diversificazione quando si tratta di investire …

Leggi ora →
Uncategorized

Stato di emergenza e finanze.

  In questo periodo stiamo vivendo degli eventi che sembrano tratti da un romanzo distopico: virus, quarantene, libertà costituzionali ridotte. Tutto questo ha già innescato …

Leggi ora →
Uncategorized

Il fascino degli immobili pt.2

Eccoci quindi oggi alla seconda parte del “fascino degli immobili”. Partiamo dal periodo che abbraccia gli anni dal 1950 al 2012. Basandoci su due fonti informative …

Leggi ora →
Finanza comportamentale

DIVENTA UN RISPARMIA(INVESTI)TORE – PARTE 2

Nello scorso articolo ti ho parlato di quanto sia importante la curiosità. Ricordi? Curiosità; Flessibilità; Pensiero probabilistico; Compostezza e controllo; Accettazione e gestione del rischio; …

Leggi ora →
Uncategorized

Perché è necessario che ti occupi della tua Situazione Finanziaria? pt.6

Quale può essere un mix pericoloso per la tua finanza personale? La demografia. La demografia parla chiaro: quando in un Paese, nel volgere di pochi …

Leggi ora →
Uncategorized

I settori analizzati da Buffett.

Nei precedenti articoli abbiamo capito chi è Warren Buffett, come ragiona e ad esplorare il portafoglio investimenti con la sua società, la Berkshire Hathaway. Abbiamo …

Leggi ora →

Iscriviti alla mia newsletter