Nella mente dell’investitore.

In questi giorni sulla principale testate giornalistiche avrai visto titoli del genere: “Il Coronavirus fa tremare le Borse”, “Il virus che ha bruciato miliardi” o “Coronavirus, profondo rosso”.

Oggi voglio mostrarti 3 grafici che ci dimostrano come i nostri investimenti (sia che tu li abbia con me, o meno) non hanno nulla a che fare con il virus. E devi quindi cancellare dalla tua mente questi titoli da quattro soldi.

Nella mente dell’investitore

Partendo dal presupposto che ognuno ha una situazione diversa, una propensione al rischio diverso, degli obiettivi diversi e un budget da investire diverso.

Chi dice di sapere esattamente dove investire non è un mago, bensì un truffatore, perché il futuro è ignoto a tutti.

Ma perchè si forma questa domanda?

Perché siamo umani.

  • Per una percentuale siamo razionali.

Valutiamo con precisione le varie scelte. Calcoliamo costi e opportunità. Cerchiamo di ottimizzare il tutto.

  • Per la restante parte, siamo irrazionali.

E noi, per lo più, siamo irrazionali, punto! Cerchiamo cosa è meglio, ma nello stesso tempo abbiamo paura della nostra scelta.

Dunque, dove devo investire?

La domanda, peraltro scorretta, in questo momento storico, ha delle risposte poco allettanti. Per questo ti mostro questi grafici…

Le stagioni dei mercati

Il grafico mostra la variazione percentuale annua dell’indice S&P 500 dal 1928.

Qual è la prima cosa che noti?

  • Che ci sono sia risultati in rosso, che risultati in verde, cioè sia anni positivi, che anni negativi;

Esatto.

Deve esserti chiaro che la presenza delle oscillazioni nei mercati è imprescindibile ed ineliminabile.
Diffida da chi ti promette un prodotto 100% sicuro.

La sicurezza è solo un’illusione.

  • Gli illusi cercano di evitare il rischio.
  • Gli investitori intelligenti imparano a gestirlo e sfruttarlo a loro vantaggio.

È come sapere che ci sono le stagioni.
Sai che al 100% arriverà l’autunno e arriverà anche l’inverno.

Nel caso dei mercati, però, non sai il giorno specifico, ma sai che arriverà.

Per questo arriva il secondo grafico. Il più importante.

Ogni quanto scendono i mercati?

Alcuni dati:

  • In media, dal 1900, c’è stata una correzione del mercato OGNI ANNO
  • La correzione media infra-annuale dura meno di 2 mesi;
  • Il calo medio è minore del 15%;
  • Storicamente i mercati al ribasso si sono presentati ogni 3/5 anni;

Spero che i dati che ti ho fornito, bastino per iniziare a capire perché è una buona idea essere un investitore di LUNGO PERIODO.
Essere intrappolati nella logica del breve periodo è terribile.

Ma non sono io a parlare, sono i dati.
In più i mass media fanno “propaganda” negativa.

Spingono nel far diventare tutto il più drammatico possibili.
Ora, il coronavirus domina i giornali, telegiornali e i social.

Prima c’era la tensione per la guerra commerciale tra USA e Cina.
Prima ancora la Crisi della Corea del Nord
Ancora prima il referendum della Brexit
Che è venuta dopo l’ebola

Continuo?

L’impatto sui mercati degli eventi negativi, dal 2009 ad oggi
Mentre i media ci attanagliavano con le cattive notizie, mentre ci hanno portato a pensa che “si stava meglio quando si stava peggio”, il principale Indice Usa ha fatto il +334% dal 2009 ad oggi, considerando un calo dei mercati dovuto al coronavirus.

Tutto questo per dire cosa?

  • SPEGNI LA TV, o qualsiasi fonte di distrazione e “lavaggio del cervello” che trovi in giro.

Il grafico delle varie crisi lo hai visto, non mi sono inventato nulla.

Alla fine i giornali sono aziende tali e quali ad altri, devono pur vendere…

  • Nessuno conosce il futuro e nessuno sa quali strumenti andranno meglio degli altri e quali Titoli performeranno meglio degli altri. 

Questo ti dovrebbe portare ad essere investitore di lungo periodo (e anche se l’età anagrafica può essere “contro”, pensa che un futuro ci sarà sempre… per i tuoi figli, i tuoi nipoti, insomma i tuoi cari).

Avere una logica di lungo periodo significa non farsi prendere dal panico per una correzione dei mercati (che abbiamo visto come siano naturali), ma seguendo la giusta strategia e la pianificazione corretta si arriverà agevolmente verso l’obiettivo concordato.

Come faccio ad avere una strategia di investimento di lungo periodo?

Come detto prima, la prima cosa da fare è non farsi prendere dal panico, e tenere a mente che le statistiche e i dati parlano sempre molto chiaro (e non si fanno influenzare emotivamente).
Tuttavia, senza un vero metodo, fare questo autonomamente è molto difficile.

Ci si può riuscire, certo, ma essere così ligi e autocontrollati non è facile se non hai una vera e propria strategia finanziaria costruita dalle basi.

Come farlo?

Sono qui apposta, per te, per i tuoi amici… per essere di supporto e aiuto nella finanza personale, per imparare ad investire in maniera strategica e per obiettivi.

Una parte della mia professione è proprio dedicata alla gestione emotiva e alla finanza comportamentale, nonché alle statistiche e i dati che servono per interpretare correttamente il periodo storico in cui si vive.

La scelta spetta solo a te.

Tabella dei Contenuti

Notizie più lette

Compila il modulo per iscriverti