Investimenti e similitudini.

L’altro giorno, parlando con un mio assistito, mi è capitato di pensare alla similitudine tra l’investimento (in questo caso finanziario) e la sua passione, la caccia.

Ti sei accorto che nonostante la caccia sia un’attività ormai lontana anni luce dal nostro quotidiano, l’istinto del cacciatore in noi è rimasto intatto?

Non mi riferisco solo a cacciare animali.

Mi riferisco a quando cerchi un’opportunità lavorativa che ti soddisfi o rincorri la persona per cui hai perso la testa cercando di conquistarla.
In questi casi, ti sforzi attivamente di conquistare un certo obiettivo, sapendo che sei in competizione con altri e che ci sono difficoltà che devi superare
.

Per millenni la caccia è stata un’attività fondamentale per la nostra sopravvivenza.

Mentre oggi è più praticata come sport che per sopravvivere.

Però in noi non si è affatto sopito l’istinto che abbiamo affinato fin dalle nostre origini, ovvero l’istinto di cacciare.

Come sai, l’uomo primitivo non aveva campi o allevamenti, andava a caccia.

Quando la sensazione di fame diventava urgente, l’uomo usciva dal suo rifugio per cercare, inseguire, catturare e uccidere gli animali che popolavano l’ambiente.

Ti chiederai cosa c’entra la caccia con gli investimenti, come mi è venuto in mente parlando con il mio assistito.

Beh perché l’investimento ha molti punti di contatto con la caccia.

Perché quando sei un investitore (o se preferisci chiamarti risparmiatore… ma è la stessa cosa) metti in campo un forte istinto predatorio.

Gli uomini quando vanno a caccia, oltre a qualche strumento, hanno bisogno soprattutto di conoscenze.

Conoscere l’ambiente in cui si muovono, conoscere le abitudini della selvaggina e così via.

Se entri sul mercato finanziario senza nessuna comprensione di come funzionano gli strumenti in cui investi, rischi di diventare tu la preda.

Certo, i mercati non sono “animali abitudinari” ma esiste qualche informazione che ti consente di evitare certi pericoli ed individuare la “miglior preda” su cui investire.

Come investitore, a prescindere se siano azioni od obbligazioni, a prescindere dal rischio che decidi di sopportare… diventi in qualche modo “spietato”!

Ovvero non temi di passare all’azione, metti in campo intraprendenza e risolutezza quando decidi di investire su qualsiasi mercato, e metti a frutto la tua astuzia perché cerchi di sfruttare quelle situazioni che presentano un buon rapporto rischio-rendimento.

Insomma, da investitore, così come da cacciatore, ti ingegni per trovare quelle opportunità di investimento che ti permettono di limitare il più possibile il rischio ma che allo stesso tempo ti possono portare il maggior guadagno potenziale.

Pensaci… il cacciatore ha bisogno di pazienza per catturare la preda.

Tu che sei un investitore hai bisogno di pazienza… per sviluppare la capacità di tenere a freno le tue emozioni.

Le emozioni sono le trappole più grosse in cui puoi cadere quando investi.

E la finanza comportamentale ci ha fatto notare molte di queste trappole.

Come investitore, ti riconosci in queste qualità da cacciatore?

Non ti preoccupare se pensi di non possederle tutte perché, soprattutto l’ultima, si affinano nel tempo con la pratica.

Quante volte avrai sentito dire “Devi avere pazienza!”, “Non avere fretta!”. Per la troppa fretta di arricchirsi che molte persone hanno, gli effetti collaterali (di arricchirsi con gli investimenti) sono enormi.

La fretta sui mercati si trasforma in FOMO (fear of missing out), ovvero la paura di rimanere fuori da un trend… e quindi ti metti ad inseguire il prezzo ovunque esso si trovi.

O ancora, la fretta si trasforma in vendite precipitose, quando vendi i tuoi investimenti al primo segnale di un ribasso dei prezzi.

Ma non avere fretta sui mercati significa essere solo pazienti e aspettare che l’opportunità ti cada tra le mani? Assolutamente no.

Quando investi, ti è utile essere impaziente se convogli quella foga nella direzione giusta.

Se la fretta di fare soldi si traduce nella scelta di sovraesporti e concentrare i tuoi investimenti, allora ti danneggia.

Invece, se l’impazienza di raggiungere certi obiettivi è lo sprone per impegnarti in modo attivo nella gestione delle tue finanze, allora diventa una scintilla positiva.

Infatti, quando si parla del proprio benessere finanziario, ritengo molto più dannoso un comportamento apatico che uno impaziente.

Se temporeggi nel pianificare e occuparti del tuo benessere finanziario perché “Al momento ho altro per la testa”, il momento perfetto non arriverà mai.

Intorno a te vedi solo persone che brancolano nell’oscurità quando si tratta di gestire i propri soldi.
Persone sopraffatte dall’ansia e dall’incertezza perché non sanno come gestire le finanze familiari.

Persone che si lasciano travolgere dagli eventi, facendo scelte che li danneggiano.

E tu non vuoi finire per essere come loro, chi lo vorrebbe?

Tu desideri una vita più confortevole. Desideri essere in controllo dei tuoi soldi. Desideri non far mancare nulla alla tua famiglia.

In breve, desideri migliorare il tuo benessere finanziario (perché è la condizione necessaria per far avverare i desideri precedenti).

Non fare come il cacciatore che invece di perlustrare la foresta se ne sta stravaccato sull’amaca tutto il giorno.

Sai bene che non facendo nulla (rimanendo con tutti i soldi sul conto corrente ad esempio) non otterrai quello che desideri.

Non fare come il cacciatore che pensa di fiondarsi nella tana di un branco di lupi per la “caccia grossa”.

Sai bene che cercando la “scorciatoia” per arricchirti (metodi fuffa simil casinò) non otterrai quello che desideri.

E’ vero, ci vuole tempo per arrivare a certi traguardi.

Ma proprio per questo hai bisogno di essere impaziente, affamato.

Hai bisogno di sentire l’urgenza e passare all’azione.

E’ diverso il “pretendere tutto e subito” e il sentire una scarica di adrenalina all’idea di realizzare un obiettivo che consideri prioritario.

Le tue personali ragioni per investire possono essere diverse.

Dal soddisfare le aspettative familiari (dimostrare ad altri di saperlo fare), al trovare un appagamento personale (fare soldi, superare situazioni sfidanti, sentirti realizzato).

Però, in fondo tutti noi vogliamo essere in grado di prendere decisioni migliori sui nostri investimenti e i nostri soldi.

Come il cacciatore che non distoglie mai l’attenzione dalla preda che vuole catturare, ricordati sempre perché investi e quali obiettivi vuoi raggiungere.

Tabella dei Contenuti

Notizie più lette

Compila il modulo per iscriverti