Perché è necessario che ti occupi della tua Situazione Finanziaria? pt.6

Quale può essere un mix pericoloso per la tua finanza personale?
La demografia.

La demografia parla chiaro: quando in un Paese, nel volgere di pochi decenni, si verificano due grandi mutazioni, gli equilibri non possono che cambiare.

Di quali mutazioni parlo?

  • in Italia si nasce di meno
  • si vive sempre più a lungo.

Mettendo insieme questi elementi viene fuori un micidiale mix demo-socio-economico che rovescia equilibri consolidati sui quali si reggevano i sistemi di welfare.

Vediamoli uno per uno.

1. NASCITE AI MINIMI STORICI

Al 1° gennaio 2020 la popolazione residente in Italia è pari a 60.244.639 unità, quasi 190mila unità in meno rispetto al 1° gennaio 2019.

Al 31 dicembre 2019 la popolazione residente è inferiore di quasi 189 mila unità rispetto all’inizio dell’anno.

Il persistente declino avviatosi nel 2015 ha portato a una diminuzione di quasi 551mila residenti in cinque anni.

Rispetto all’anno precedente, si registra un nuovo minimo storico di nascite dall’unità d’Italia, un lieve aumento dei decessi e più cancellazioni anagrafiche per l’estero.

Nel 2019 il totale dei nati in Italia ha segnato, per il settimo anno consecutivo, un nuovo record negativo: il valore più basso mai registrato in oltre 150 anni di Unità Nazionale.

In particolare, i dati dei primi undici mesi – al momento gli unici ufficialmente diffusi –indicano 398 mila nascite e accreditano una stima di 435 mila su base annua.

Prosegue così la rapida caduta della natalità, avviata a partire dal “punto di svolta” del 2008, con una dinamica che in poco più di un decennio ha ridotto di un quarto il numero annuo di neonati: dal confronto tra il 2008 (577 mila) e il 2019 (435 mila) se ne contano, infatti, 142 mila in meno.

Il numero medio di figli per donna scende a 1,29, di gran lunga inferiore al parametro minimo considerato necessario per garantire un adeguato ricambio generazionale (2,1 figli per donna).

Il saldo naturale, già negativo, continua a decrescere, arrivando a -214.262 nel 2019.

2. RISCHIO LONGEVITA’

Come abbiamo visto, il 1° gennaio 2020 la popolazione italiana era di 60.244.639.
Di questi, gli over 65 sono circa 13,7 milioni (pari al 22% del totale), di cui 7,7 milioni donne e 5,9 milioni uomini.

L’invecchiamento della popolazione è un fenomeno che persiste ormai da diversi decenni in Italia.

  • Negli ultimi 18 anni il peso di questa fascia d’età è aumentato in misura costante (erano 10,7 milioni nel 2002, pari al 18,7% del totale).
  • Mentre gli over 80 passano da 2,49 milioni del 2002 a 4,330 milioni del 2019, con un’incidenza sul totale della popolazione che sale dal 4,48% al 7,17%.

A livello nazionale, l’aspettativa di vita, per gli uomini sfiora gli 81 anni, le donne gli 85,3.

Per gli uni come per le altre l’incremento sul 2018 a un mese di vita in più.

3. SI NASCE DI MENO E SI VIVE DI PIU’

Questo è il vero tema che sta cambiando e cambierà radicalmente la nostra società.
E di conseguenza la nostra economia.

Tutti i paesi sviluppati stanno affrontando un trend demografico di questo tipo (Giappone in primis, USA e Germania), mentre al contrario i Paesi in via di sviluppo hanno tassi di natalità molto elevati (uniti a dei tassi di mortalità ugualmente elevati).

Ovviamente vivere più a lungo non può far che bene, ma è un problema quando le future nascite non saranno sufficienti a compensare i futuri decessi.

Una situazione salutare è la seguente:

Nel 1950, solo il 7% della popolazione era oltre i 65 anni di età!

Una situazione nociva è invece questa:

Nel 2020, circa il 23% della popolazione è oltre i 65 anni di età.

Dovrebbe essere una piramide con una base grande che si stringe al vertice, invece sta diventando quasi una piramide rovesciata.

Il dato preoccupante è che tutte le previsioni (per ora) precisano che questo processo non si arresterà a breve.

L’Istat stima che proseguirà sia la riduzione della popolazione sia l’incremento del peso della componente anziana sul totale: il valore massimo si registrerà nel 2050, quando la quota di ultrasessantacinquenni si avvicinerà al 34%.

Il quadro attuale sull’andamento demografico in Italia non è dunque dei più incoraggianti.
E lo stesso vale per le previsioni future.

Nei prossimi 25 anni, rispetto al numero attuale di cittadini, il calo sarebbe di quasi un
milione e mezzo e di quasi 6 milioni e mezzo nei prossimi 45 anni.

Perché deve interessarti questa panoramica sulla demografia?
Te ne parlerò nella prossima lettera.

Tabella dei Contenuti

Notizie più lette

Uncategorized

Perché è necessario che ti occupi della tua Situazione Finanziaria? pt.2

nello scorso articolo ci siamo lasciati con una breve analisi dello scenario attuale grazie al Rapporto CONSOB “scelte di investimento degli italiani”. Oggi immagina di …

Leggi ora →
Uncategorized

La teoria del pensiero inverso.

Tutti cercano di insegnarti i “segreti per diventare ricco” o “come diventare ricco in pochi minuti” o “come diventare milionario in pochi e semplici passi”. Io invece oggi voglio …

Leggi ora →
Uncategorized

La gestione del denaro in famiglia.

Come sai mi occupo di finanza personale, e quindi di tutto ciò che riguarda la gestione del denaro anche, e soprattutto, a livello familiare. Non …

Leggi ora →
Uncategorized

Tagli alla sanità e finanza personale.

Nella scorsa puntata abbiamo visto come il rapporto sui conti pubblici 2020 della Corte dei Conti non sia stato così positivo per il futuro. Ed …

Leggi ora →
Uncategorized

Investimenti e similitudini.

L’altro giorno, parlando con un mio assistito, mi è capitato di pensare alla similitudine tra l’investimento (in questo caso finanziario) e la sua passione, la …

Leggi ora →
Uncategorized

Stato di emergenza e finanze.

  In questo periodo stiamo vivendo degli eventi che sembrano tratti da un romanzo distopico: virus, quarantene, libertà costituzionali ridotte. Tutto questo ha già innescato …

Leggi ora →

Iscriviti alla mia newsletter