Risparmia subito, ecco perchè.

Nell’articolo di oggi voglio parlarti di un esperimento; un esperimento condotto parecchi anni fa (nel 1977 di preciso) dallo psicologo Jack Brehm.

Un gruppo di bambini, tutti dell’età di circa due anni, entra con la propria mamma in una stanza.

All’interno ci sono due giocattoli, bellissimi tutti e due, messi uno davanti e l’altro dietro ad uno schermo trasparente.

A metà del gruppo viene posizionato uno schermo alto 30 centimetri, che non impedisce il raggiungimento del giocattolo (che ti ricordo essere dietro).

Lasciati liberi di spostarsi dove preferiscono, questi bambini non dimostrano preferenza per un oggetto o per l’altro.

All’altra metà del gruppo viene posizionato uno schermo alto 60 centimetri, che invece impedisce di raggiungere il giocattolo posizionato più lontano.

Questi bambini, di fronte all’ostacolo non hanno esitazioni: lo aggirano per raggiungere il giocattolo sistemato dall’altra parte.

Cosa ci insegna questo esperimento?

Ci insegna che un bambino, già alla tenera età di due anni, scopre cosa significa il concetto di emancipazione, di autonomia e di indipendenza. In questa situazione, ogni limitazione (lo schermo trasparente) al senso di libertà di scelta è inaccettabile e viene apertamente superata.

Detto in termini scientifici: se il processo decisionale viene in qualche modo complicato da un ostacolo, l’individuo si spingerà verso l’obiettivo il cui raggiungimento è reso più impervio anche se quest’ultimo non esprime un vantaggio rispetto ad un altro di pari valore.

Tutto questo per il solo fatto che viene vissuta una minaccia nella libertà di scegliere che cosa fare.

Questo fenomeno si chiama “reattanza psicologica”: secondo questa teoria, ogni privazione di libertà porta a desiderare molto più di prima ciò che ci stiamo accingendo a perdere.

In quali circostanze le persone percepiscono come limitata, minacciata, la loro libertà di scelta?

Questo avviene quando ci confrontiamo con il concetto di scarsità.

Le opportunità ci appaiono più desiderabili nel momento in cui la loro disponibilità è limitata. Più qualcosa diventa scarso, più le opportunità si restringono, più noi perdiamo potere di scelta: esattamente come accade al bambino di due anni con il plexiglass tra i due giocattoli, non accettiamo questa limitazione e ci battiamo per ottenere ciò che fino a prima ci era indifferente.

Traslando l’esperimento nella pianificazione finanziaria, il concetto di scarsità è perfettamente applicabile allo scenario attuale e, ancora di più, a quello futuro.

Nella cosiddetta “nuova normalità”, il contesto in cui ci troviamo oggi, pianificare diventa necessario ed indispensabile, poiché viviamo un’epoca di scarsità di risorse finanziarie che deve soddisfare un determinato numero di esigenze.

Il cambiamento demografico, sociale ed economico ci costringe ad accumulare di più e meglio.

Perché troppo spesso non è chiaro che le esigenze delle persone cresceranno più velocemente di quanto farà la loro ricchezza.

Questo accadrà perché le spese sono crescenti, sia in termini di importo che di frequenza, basta pensare a che facilità abbiamo oggi di spendere denaro rispetto al passato, ma anche perché abbiamo precari equilibri di finanza pubblica, che ci garantiranno prestazioni di assistenza (sanità, pensioni etc.) sempre minori rispetto a quelle alle quali siamo sempre stati abituati.

Già oggi si sono ridotte di molto, le spese private per l’assistenza hanno accelerato, e dovranno farlo ancor di più per raggiungere e sorpassare un welfare pubblico in evidente fase di rallentamento.

Tutto questo mentre il reddito netto delle famiglie italiane è in calo da inizio millennio, come si vede da questi dati (elaborazione su dati ISTAT).

Dunque, più bisogni e meno risorse; mentre tutte le prestazioni pubbliche sono destinate a diventare scarse.

Il problema principale è che non lo sono ancora abbastanza. E per questo non si percepisce pienamente il trend in atto, di conseguenza, probabilmente anche tu non ravvisi l’impellente necessità di agire.

I cambiamenti in atto però non si fermano e rischiano di rendere fragile e inadeguato il patrimonio che hai costruito nel tempo.

DEVI proteggere il tuo capitale umano! Ovvero la capacità che hai di produrre ricchezza che ti consentirà di mantenere inalterato il tenore di vita futuro.

DEVI proteggere la tua pensione! Perché le prestazioni saranno inferiori del 20% circa se sei lavoratore dipendente, del 30% circa se sei lavoratore autonomo e fino al 50% se sei libero professionista.

DEVI avere i mercati finanziari come alleati! Coerentemente con il tempo a disposizione, sono quelli che ti sollevano dalla fatica di generare ulteriore ricchezza e ti daranno il giusto rendimento.

Comincia da oggi a prendere le decisioni giuste per il tuo domani, sono diverse le cose che, in questa epoca rivoluzionaria, saremo costretti a perdere.
Ma saranno molte di più le cose che potrai essere in grado di realizzare, se inizi a mettere in atto piccoli gesti concreti che il tempo trasformerà in sorprendenti risultati futuri.

Tabella dei Contenuti

Notizie più lette

Uncategorized

Agenda 2030: cos’è?

Ciao e bentrovato. Oggi voglio riprendere il tema ESG e finanza sostenibile. Trasformare il mondo è il progetto ambizioso di Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. …

Leggi ora →
Finanza comportamentale

DIVENTA UN RISPARMIA(INVESTI)TORE – PARTE 4

Eccoci alla quarta puntata, della nostra mini-serie su come diventare un investitore. Iniziamo! ? Come diventare un Risparmia(investi)tore – Parte 4 Ti sei mai chiest* qual è …

Leggi ora →
Uncategorized

Bloccati dalla paura.

Qualche giorno fa ho letto questa frase: “Tra vent’anni non rimpiangerai le cose che hai fatto, ma quelle che non hai fatto”. È vero che …

Leggi ora →
Uncategorized

Eventi, volatilità e paure.

questo articolo è ispirato a queste ultime giornate molto volatili sui mercati finanziari. Siamo sull’ottovolante, o sulle montagne russe se preferisci, la questione è, per …

Leggi ora →
Uncategorized

Nel 2050 ci saranno più pensionati che lavoratori. 

Uno degli argomenti che quest’anno ho deciso di affrontare con maggior frequenza è quello previdenziale (le pensioni per intenderci), insieme al tema di finanza sostenibile …

Leggi ora →
Uncategorized

Le emozioni: Ulisse e la finanza.

Ulisse è uno dei personaggi più conosciuti della mitologia greca, è probabilmente anche uno dei più affascinanti, è il personaggio reso immortale dall’Odissea di Omero. …

Leggi ora →

Iscriviti alla mia newsletter